La Blockchain e l’emergenza Covid-19

La Pandemia ci ha reso più digitali

La pandemia di Covid 19 ha sconvolto radicalmente le nostre vite e le nostre abitudini. Gesti quotidiani semplici e quasi automatici, come andare a prendere un caffè al bar o andare a fare shopping, ma anche uscire per andare la lavoro o a scuola, sono diventate operazioni molto piu complicate. La nostra vita è diventata molto pou digitale, nel senso che molte delle attività che prima facevamo in “presenza”, come un riunione, partecipare ad un evento, o anche solo andare in un negozio o fare una visita medica, vengono appunto fatte sul web. Alla fine del 2020 il World Economic Forum ha pubblicato un rapporto, in cui si afferma che la blockchain e la digitalizzazione potrebbero contribuire a rendere le catene di approvvigionamento più resistenti agli shock futuri, evitando che la stessa catena possa subire rallentamenti o disfunzioni. E si sa bene come proprio in questi momenti di grave emergenza la supply chain sia un elemento fondamentale, basti pensare al food, alle medicine o ancora in questi giorni ai vaccini. Ecco allora che il fatto di essere diventati tutti molto più digitali non può che far pensare ad un ulteriore sviluppo anche della blockchain, che proprio in alcuni settori chiave della economia e della vita di tutti i giorni rappresenta forse la più rivoluzionaria scoperta tecnologica degli ultimi anni.

La Blockchain e le sue applicazione durante le crisi globali

In quanto libro mastro distribuito e immutabile, infatti, la tecnologia dei blocchi ha la capacità di tracciare con precisione i dati di ogni singola transizione, sia commerciale che privata. Questo aspetto chiaramente è di grandissimo aiuto in molte operazioni che vengono fatte ogni giorno, sia per quanto riguarda le transazioni commerciali, sia quelle industriali e sia anche quelle per esempio con la pubblica amministrazione. Basti pensare per esempio al movimento delle merci in una catena di approvvigionamento, che possono grazie alla registrazione sul libro mastro della loro blockchain identificare e correggere in tempo reale eventuali problemi nella catena di approvvigionamento, ma anche aiutare produttori e imprenditori a identificare insorgenza di problemi durante il processo di produzione e trovare fornitori alternativi.

Questo vuol dire che mentre un produttore può essere in grado di identificare i problemi con i fornitori, in un caso normale, è meno probabile che sappiano cosa sta succedendo con gli altri partner di quel fornitore, in un caso di grande shock come la pandemia è stata ed è qui che gli esperti cono certi che la blockchain possa giocare un ruolo fondamentale. Ma come non pensare poi alle migliaia di lavoratori che a causa della pandemia sono costretti a lavorare da casa. Ebbene in questo caso la blockchain potrebbe essere utilissima non tanto alle piattaforme di lavoro smart, perché la sua vera forza, la decentralizzazione, non è particolarmente utile nella gestione dei rapporti lavorativi tra aziende e dipendenti, ma nel caso del lavoro nella pubblica amministrazione, ovvero quello di rendere pubbliche e condivise le informazioni necessarie al lavoro da remoto dei funzionari amministrativi.

Blockchain e mondo sanitario

Ma parlando di pandemia non si può non considerare quanto la blockchain possa essere uno strumento prezioso per l’assistenza sanitaria. La tecnologia a blocchi potrebbe, infatti, aiutare nella gestione molto più sicura delle cartelle cliniche, in particolar modo sul delicato aspetto della privacy legata  ai dati dei pazienti. Un’ulteriore applicazione potrebbe riguardare anche la corretta applicazione dei protocolli terapeutici e di dispositivi medici, attraverso i cosiddetti contratti intelligenti (smart contract) che si eseguono automaticamente quando alcune condizioni sono soddisfatte e consentono il tracciamento sicuro ed immodificabile delle informazioni, potendo, al tempo stesso, tracciare il corretto funzionamento degli stessi dispositivi medicali. Ma nello specifico potrebbe essere anche uno strumento  affidabile per avere il numero di persone che risultano positive agli anticorpi COVID-19 tramite test rapidi, consentendo agli operatori governativi e sanitari di accedere a questi dati critici (senza alcuna possibilità di comprometterlo) istantaneamente e riuscendo quindi in maniera più immediata e sicura nella difficile mappatura dei contagi. Basti pensare la caso dei viaggi e di come in questo modo si possa avere un quadro di chi potrebbe spostarsi e chi invece deve rimanere in quarantena, evitando quindi la diffusione del contagio. Allo stesso tempo, l’accesso a questi dati sarebbe facilmente interdetto a chiunque non fosse autorizzato ad accedervi, garantendo in ogni momento la riservatezza dei dati. L’uso della tecnologia blockchain può inoltre facilitare il coinvolgimento dei cittadini nella gestione della pandemia e nel controllo sulla diffusione della stessa. Mentre le app pre il tracciamento hanno mostrato tutti i loro limiti, la blockhain potrebbe offrire loro strumenti trasparenti per la condivisione dei dati personali e maggiore controllo su di essi, incoraggiando la collaborazione collettiva per lo scambio di dati volto al rallentamento e al controllo della pandemia.  Già prima dello scoppio della pandemia, secondo un sondaggio di IBM circa il 92% delle aziende riteneva che i loro modelli di business dovessero cambiare a causa della digitalizzazione, ma la crisi COVID-19 ha fatto luce su quanto siano realmente vulnerabili le aziende e su quanta strada vada ancora fatta sul percorso virtuoso verso la digitalizzazione. Quelle aziende che erano già state attraversate dal processo di trasformazione digitale sono state in grado di riadattare rapidamente obiettivi, aspettative e operazioni commerciali a fronte di una crisi globale e sono quelle che molto probabilmente usciranno prima e meglio dalla crisi e la blockchain potrà sicuramente avere un ruolo importante per aiutarle in questo delicato processo. Ecco che conoscere la blockchain in tutte le sue principali declinazioni diventerà sempre più fondamentale sopratutto in determinati business, e per capire come funziona e quali sono le sue grandissime funzionalità non ti resta che andare su Salmomneta.com

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Correlati

Related Posts

Contattaci

Invia il tuo Curriculum

Entra nella Blockchain Academy

Registrati e Accedi alla Blockchain Academy e
diventa esperto del mondo fintech e blockchain.

Cosa ottieni

Acquista la membership
ed entra nella area esclusiva